Se puoi sognarlo: un progetto di coaching concreto

se puoi sognarlo

di Maria Francesca Bernava

“Se puoi sognarlo, puoi farlo” diceva Walt Disney. 

 Quest’inverno insieme all’associazione Segni Concreti di Arezzo (www.segniconcreti.org) abbiamo sognato di realizzare un programma di Coaching per i suoi membri, in maggioranza giovani uomini e giovani donne che desiderano raggiungere con maggiore consapevolezza e slancio i propri obiettivi, personali e professionali.  

Il sogno è diventato realtà! Abbiamo dato vita al progetto Coaching Concreto a maggio scorso con all’attivo circa 12 percorsi di coaching individuale, in presenza e a distanza. La prima fase si è appena conclusa con un buon livello di soddisfazione da entrambe le parti, aspettiamo ora di partire con una seconda che coinvolga anche l’utenza esterna dell’associazione. 

 Abbiamo chiesto a Demostenes Uscamayta Ayvar, Fondatore dell’associazione Segni Concreti, di condividere alcune considerazioni sul percorso di Coaching che stanno facendo. 

Demo, ci racconti chi siete e cosa fa l’associazione? 

“Siamo cittadini che si muovono per altri cittadini, attraverso alcuni tipi di iniziative:
1) condividiamo gratuitamente il sapere attraverso le nostre lezioni concrete su svariati temi: lingue, grafica, fotografia e astrofisica. 
2) organizziamo campagne di sensibilizzazione come ad es. Sei StraOrdinaria, con cui vogliamo dare voce all’universo femminile. 

C’è un’immagine che descrive i vostri obiettivi? 

La primavera. Siamo fiori che sbocciano e, più fiori siamo, più facciamo primavera. 

In che modo il Coaching può esservi utile nel realizzare i vostri obiettivi? 

Il Coaching ci aiuta a essere più consapevoli di essere dei fiori. Ci sta aiutando a scoprire e riscoprire potenzialità e talenti che ognuno di noi ha dentro di sé.  

Perché Segni Concreti, perché il Coaching?  

Mi rispondo che se vogliamo cambiare il mondo dobbiamo iniziare da noi stessi. Le nostre iniziative sono piccoli granellini di sabbia ma tutti insieme fanno una spiaggia.  

Questa esperienza ci ha raccontato ancora una volta che dal sogno al progetto il passo a volte può non essere così chiaro. Tante volte sentiamo che qualcosa non gira come vorremmo eppure non riusciamo a trovare il bandolo della matassa. Quanto tempo però dedichiamo a focalizzare quello che davvero vogliamo e cosa possiamo fare per ottenerlo? 

La bellezza del Coaching sta proprio nella sua concretezza: durante le sessioni si lavora per definire obiettivi realistici ed un piano d’azione per raggiungerli, ci si focalizza sulle proprie risorse e capacità, trovando la propria soluzione e le proprie risposte.